Consiglio Comunale del 29 ottobre 2018
IMG_7431

Consiglio Comunale del 29 ottobre 2018

COMUNE DI ARCORE

PUNTO N. 1 O.d.G. – CONSIGLIO COMUNALE DEL 29 OTTOBRE 2018

COMUNICAZIONE DECADENZA CONSIGLIERE SULLO NICOLA E SUA SURROGA

PRESIDENTE

Buonasera a tutti. 29 Ottobre 2018, sono le ore 20 e 45, iniziamo con l’appello.

(Segue appello nominale) In questo momento risultano assenti il Consigliere Attilio Cazzaniga e il Consigliere Bertani che arriverà più tardi.

Iniziamo quindi con il 1° punto all’O.d.G., con la Comunicazione decadenza Consigliere Sullo Nicola e alla sua surroga.

Il Consigliere Sullo Nicola è decaduto poiché è stato nominato dal Sindaco Assessore, quindi il primo dei non eletti risulta il Sig. Giacomo Contratto, il Funzionario Lorenzo Bonalume non ha trovato incompatibilità ed ineleggibilità alla carica, quindi votiamo la surroga immediatamente.

Voti favorevoli? Tutto il Consiglio Comunale.

Votiamo anche l’immediata eseguibilità. Voti favorevoli? Tutto il Consiglio Comunale.

Invito il neo Consigliere Giacomo Contratto a sedersi sul banco.

In bocca a lupo per il nuovo lavoro ed un saluto anche all’Assessore Sullo Nicola, anche a lui in bocca al lupo. Anche all’Assessore Davide Salvioni che oggi non c’è, che probabilmente ci teneva a venire.

Ha chiesto la parola il Sindaco. Intanto entra in Consiglio Comunale il Consigliere Attilio Cazzaniga. Buonasera.

Prego Sindaco.

SINDACO

Buonasera a tutti.

Due comunicazioni. Una velocissima, per cui benvenuto al nuovo Consigliere tra le nostre fila ed un benvenuto anche al nostro, al mio nuovo Assessore.

Due parole di questo tipo, ci dispiace molto, mi dispiace molto che l’Assessore Davide Salvioni abbia dovuto rinunciare al suo ruolo, che amava molto e verso il quale si era molto dedicato, per problemi di lavoro. La mia considerazione è a questo, quanto sia difficile per i giovani, anche se hanno una grande passione per la politica, per la buona politica, riuscire poi a farla la politica.

I ragazzi lavorano, i ragazzi che lavorano hanno anche responsabilità di lavoro, hanno una vita complicata, piena, a volte – come è successo – si devono trovare a scegliere tra la politica che fanno bene, per cui dedicando ore delle loro giornate lavorative e delle ore di svago, o il lavoro. In questo caso Davide ha dovuto, a malincuore dico, perché me l’ha espresso, a malincuore, con grande dispiacere ha dovuto scegliere il lavoro.

A lui un grandissimo abbraccio e la stima mia e di tutta la Giunta che l’ha visto operare e lavorare con noi davvero bene.

Tanti cari auguri a Davide.

La seconda comunicazione, velocemente, oggi avete visto, c’è stato un po’ di… Ci siamo salvati in corner, c’è stato un po’ di putiferio, però io questa sera, visto che è successo poco prima del Consiglio Comunale, volevo fare davvero un ringraziamento grandissimo alla Protezione Civile ed ai Carabinieri, perché la nostra Protezione Civile è sempre immediatamente sul pezzo, coordinata sempre con me e con l’Assessore Perego, con i Carabinieri, interviene sempre nel giro di pochissimi minuti con le loro attrezzature, davvero è un preziosissimo alleato per noi e per tutte le Amministrazioni.

A loro il nostro sincero ringraziamento.

Grazie Presidente.

PRESIDENTE

Grazie Sindaco.

COMUNE DI ARCORE

PUNTO N. 2 O.d.G. – CONSIGLIO COMUNALE DEL 29 OTTOBRE 2018

GRUPPI CONSILIARI E COMMISSIONI CONSILIARI PERMANENTI – MODIFICHE

PRESIDENTE

Passiamo al punto 2, Gruppi consiliari e Commissioni consiliari permanenti e le sue modifiche.

        Lascio la parola al Capogruppo Cheikh Tidiane.

CONSIGLIERE CHEIKH TIDIANE GAYE

Grazie Presidente.

        Volevo dare un augurio prima di tutto al nostro neo Assessore, un profilo molto interessante, che sicuramente penso darà veramente molto a questa Giunta. Noi dobbiamo crederci, continuare a…

PRESIDENTE

Consigliere, scusi, più vicino al microfono sennò non rimane la registrazione.

CONSIGLIERE CHEIKH TIDIANE GAYE

Ah, non si sente?

PRESIDENTE

No.

CONSIGLIERE CHEIKH TIDIANE GAYE

Riprendo il filone del mio pensiero. Dicevo che il neo Assessore, come l’attuale anche neo Consigliere, due della Lista Civica ma un Assessore, neo Assessore anche anagraficamente giovane, che avrà sicuramente qualcosa da dire. Le sfide sportive ed anche molti altri appuntamenti del suo Assessorato.

Il neo Consigliere, perché – come diceva il Sindaco – è un ruolo importante, soprattutto della gioventù, dei giovani, che hanno anche questo lavoro da portare e da dare per il territorio.

In quanto io, come Capogruppo, un augurio profondo che devo dare al neo Assessore, soprattutto al neo Consigliere Giacomo Contratto.

Il Consiglio a braccia aperte dà il benvenuto e…

PRESIDENTE

Consigliere Cheikh, più vicino al microfono per favore che non rimane niente in registrazione.

Mi conferma che i Gruppi consiliari rimangono tali e quali, quindi il Consigliere…?

CONSIGLIERE CHEIKH TIDIANE GAYE

Sì, giustamente sì.

PRESIDENTE

Okay, grazie.

COMUNE DI ARCORE

PUNTO N. 3 O.d.G. – CONSIGLIO COMUNALE DEL 29 OTTOBRE 2018

COMUNICAZIONI, ORDINI DEL GIORNO, MOZIONI

PRESIDENTE

Passiamo al punto 3, Comunicazioni, O.d.G. e mozioni.

Comunicazioni? Ha chiesto la parola il Consigliere Ventola. Prego. Aspetti un secondo, prego.

CONSIGLIERE VENTOLA BARBARA

Volevo semplicemente spendere due parole per una persona che è venuta a mancare da poco per la comunità di Arcore.

Lo ricordo con affetto, Santo Capelli, non solo perché per Arcore era conosciuto come uno dei due partigiani, però era un mio vicino di casa, mi ha conosciuto da piccola, l’ho conosciuto come un nonno e volevo spendere solo due parole per ricordarlo.

Tutto qua

PRESIDENTE

Grazie. Grazie Consigliere Ventola.

Abbiamo adesso la mozione del Consigliere Andrea Orrico, se vuole darne lettura. Prego.

CONSIGLIERE ORRICO ANDREA

Buonasera. Buonasera a tutti quanti.

“Mozione ad oggetto Contributo regionale per l’acquisto di automezzi ecologici per il trasporto scolastico.

Premesso che il Decreto Legislativo del 18 Agosto 2000 n. 267, Testo Unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, all’art. 3 comma 2 stabilisce che il Comune è l’ente locale che rappresenta la propria comunità, ne cura gli interessi e ne promuove lo sviluppo. In base all’art. 13 del Decreto Legislativo del 18 Agosto 2000 n. 267 spettano al Comune tutte le funzioni amministrative che riguardano la popolazione del territorio comunale, in particolare nei settori organici di servizi alla persona ed alla comunità, tra i quali rientrano anche i servizi volti a garantire l’istruzione ed il Diritto allo Studio.

Ritenuto prioritario garantire agli studenti la frequenza scolastica e l’effettivo esercizio del Diritto allo Studio, aumentando al contempo l’accessibilità alle strutture scolastiche, in particolar modo per gli studenti disabili negli spostamenti dalle loro residenze.

Considerato che con il DGR 490 del 2018 sono stati approvati i criteri per l’assegnazione per l’anno 2018 del contributo regionale straordinario a favore dei Comuni lombardi ed a sostegno dell’acquisto di automezzi ecologici adibiti a trasporto scolastico, possono presentare domanda di contributi i Comuni lombardi in forma singola o associata, nonché l’Unione di Comuni costituite, ai sensi del Titolo 2, Capo 5° del Decreto Legislativo 267/2000, che effettuano direttamente il servizio di trasporto scolastico.

La delibera stanzia un milione di Euro con un contributo assegnabile pari al 50% della spesa sostenuta dagli enti richiedenti, Iva compresa.

Il Consiglio Comunale impegna il Sindaco e la Giunta ad attivarsi per individuare ed inviare la proposta di intervento sul territorio comunale per beneficiare del cofinanziamento regionale nei tempi e secondo le modalità stabilite dal DGR 11490.

A cofinanziare l’acquisto dell’automezzo per il trasporto scolastico, compatibilmente con le disponibilità di Bilancio.”

Grazie.

PRESIDENTE

Grazie Consigliere Orrico per la presentazione.

Apriamo la discussione. Ha chiesto la parola l’Assessore Palma, prego.

ASSESSORE PALMA PAOLA

Buonasera a tutti. Anche da parte mia un benvenuto al nuovo compagno di viaggio Nicola Sullo ed a Giacomo Contratto.

Rispondo brevemente a quanto da lei richiesto.

Il Comune di Arcore non gestisce in maniera diretta il servizio di trasporto scolastico, bensì tramite un appalto, per cui i mezzi impiegati nel trasporto scolastico sono di proprietà dell’aggiudicatario.

Il nostro attuale appalto andrà a coprire l’anno 2018/19 e 19/20, quello che è stato appaltato nell’ultima gara. I mezzi che sono usati in un appalto di questo tipo sono mezzi che vengono contemplati nel contratto di servizio e il valore di questi mezzi e la tipologia dei mezzi, che chiaramente devono attenersi alle normative ben precise, che riguardano la sicurezza, che riguardano l’età del mezzo, che riguardano l’efficienza, determinano anche in parte il valore del contratto, dell’appalto e del contratto al quale il Comune partecipa stanziando una cifra. Il Comune di Arcore partecipa all’appalto del trasporto scolastico con una cifra di circa 130.000 Euro.

La parte rimanente va a suddividere, a determinare quello che è poi il costo dell’abbonamento per gli studenti.

Allora si fa in modo che osservando tutte le normative, tutte le norme e tutte le leggi vigenti, i mezzi vengano comunque ritenuti idonei e siano comunque utilizzati in maniera tale da non avere un risultato di spesa ingombrante, chiamiamolo così, sia per i ragazzi, le famiglie che devono sostenere il costo, sia per la parte di investimento da parte del Comune.

Direi che la questione fondamentale è che attualmente noi non abbiamo in carico nessun mezzo, bensì gestiamo il trasporto tramite un appalto; per cui non possiamo chiedere attualmente di cambiare i mezzi all’appaltante, in quanto l’aggiudicazione arriva fino al 2021.

Tanto meno non ne abbiamo in carico di nostra proprietà per poter provvedere a fare domanda alla Regione, oppure a partecipare al bando che ci vede poi eventualmente aggiudicarci quello che potrebbe essere il contributo.

È questa penso la questione determinante, che rende un pochino inattuabile il consiglio da lei attualmente datoci con la mozione.

PRESIDENTE

Grazie Assessore.

Ha chiesto la parola il Consigliere Orrico, prego.

CONSIGLIERE ORRICO ANDREA

Grazie, grazie anche all’Assessore della risposta.

Volevo puntualizzare solamente una cosa. Effettivamente sì, ero cosciente del fatto che il Comune appalta il servizio del trasporto, dello scuolabus. La nostra mozione era in un’ottica di cambiamento, approfittando di un contributo regionale comunque importante, che poteva dare la possibilità oggi al Comune di dotarsi anche di un mezzo che potesse andare ad integrare quelli che oggi sono i servizi che vengono dati agli studenti per il trasporto delle persone.

Oltretutto in un’ottica anche di rinnovamento dei mezzi, con una visione ecologica, perché quello di cui parla la mozione è sempre una visione ecologica.

Queste mozioni rientrano sempre in un’ottica di una filosofia che va a sposare quella che è un po’ l’ecologia ed il rinnovamento, oltretutto è anche un aiuto alle famiglie. Io sono cosciente del fatto che il Comune finanzia ed aiuta il trasporto scolastico, quindi contribuisce, non lascia le famiglie; questa poteva essere una mozione che andava ulteriormente ad aumentare quelle che sono oggi le disponibilità del Comune, ad aiutare quelle che oggi possono essere le famiglie che hanno necessità magari di un trasporto, ma anche l’abbonamento minimo che c’è da pagare oggi può essere un problema.

Il Comune entrava in un’ottica di cambiamento, di diversificazione di quello che è il servizio e l’offerta.

Grazie.

PRESIDENTE

Grazie Consigliere Orrico.

Ha chiesto la parola il Consigliere Zucchi, prego.

CONSIGLIERE ZUCCHI CARLO

Buonasera a tutti.

        Volevo chiedere, al di là degli appalti sui trasporti pubblici e sul trasporto scolastico, se il Comune di Arcore è interessato ad usufruire di questi tipi di finanziamenti, cioè se c’è una possibilità per verificare se questi finanziamenti possono aiutare il trasporto scolastico anche per studenti disabili, se c’è la possibilità di trovare dei mezzi che possano andare dare un contributo al trasporto scolastico che abbiamo in essere.

Non capisco perché il Comune di Arcore non si attivi, non sia interessato a trovare delle formule che aiutino fuori dagli appalti diciamo istituzionali.

Qui bisognerebbe capire questo tipo di bando che possibilità dà, che tipi di mezzi mettono a disposizione. Poi sarebbe utile capire se è possibile utilizzare le risorse che abbiamo accantonato per le barriere architettoniche, se anche per quel tipo di finanziamento, se per quei tipi di finanziamenti possono essere utilizzati.

Se non possono essere utilizzati secondo me sono in ogni caso opportunità che dovrebbero essere valutate, colte, verificate con un po’ più di attenzione.

PRESIDENTE

Grazie Consigliere Zucchi.

Ha chiesto la parola il Consigliere Cazzaniga, prego. Scusate, in questo momento entra in aula anche il Consigliere Bertani, quindi in totale 17 Consiglieri in aula.

Prego.

CONSIGLIERE CAZZANIGA ATTILIO

Grazie Presidente. Buonasera a tutti.

Volevo capire una cosa dal Consigliere Orrico che ha scritto la mozione, non conosco questi bandi per cui chiedo informazioni.

Il veicolo che si potrebbe portare a casa è un veicolo per il trasporto degli alunni, o per il trasporto degli alunni disabili? Perché se è un trasporto degli alunni devo intendere un pullman o qualcosa di questo genere, che non è sicuramente il mezzo più adatto per trasportare i disabili motori.

Se è un mezzo che trasporta i disabili motori diciamo che trasporta solo questo tipo di persone e basta.

Allora, portare a casa un mezzo gratuitamente, non credo gratuitamente, comunque… il 50%, può essere anche una cosa valida. Si possono portare a casa però, come è già stato fatto in questo periodo negli anni precedenti, anche mezzi gratuitamente totali per il trasporto dei disabili, grazie all’uso della pubblicità sui pullmini…

PRESIDENTE

Consigliere Cazzaniga, scusi, non voglio interromperla, stia più vicino al microfono che non rimane registrato.

CONSIGLIERE CAZZANIGA ATTILIO

Eh, volentieri, ma non viene.

PRESIDENTE

Molto bene.

CONSIGLIERE CAZZANIGA ATTILIO

Mi sposto un attimino.

PRESIDENTE

Grazie.

CONSIGLIERE CAZZANIGA ATTILIO

Quindi anche quella è una soluzione che anziché spendere il 50% non si spende nulla.

Poi il problema grosso è che l’acquisizione di un mezzo poi dopo deve essere dato in comodato d’uso a qualcuno che lo guidi, a qualcuno che lo metta in funzione; perché se il Comune deve assumere qualcuno che poi guida il mezzo quel 50% lì, mi spiace per la persona che poteva fare questo lavoro, ma viene sicuramente perso in breve periodo.

Anche a darlo in comodato d’uso a qualcuno, con i tempi che corrono, non è più come una volta, perché grazie al fatto che si va in pensione ad un’età un pochino più tarda i volontari che si sono sempre occupati di fare questi servizi diventano sempre di meno, è ovvio. Quelli che abbiamo hanno anche un’età in cui ahimè purtroppo acciacchi ed altre cose intervengono in modo importante.

Io dico che si dovrebbe valutare un po’ attentamente la cosa. Non solo per questo ma anche per quello che riguarda altri tipi di bandi che la Regione mette a disposizione. Ce n’è stato uno tempo addietro, di cui mi sono reso conto quando il bando era già chiuso, per la ristrutturazione di immobili di proprietà comunale per poter dare una residenza a padri separati che, si sa, arrancano parecchio al giorno d’oggi in situazioni abbastanza complicate.

Una maggiore attenzione sicuramente a questo tipo di cose dovrebbe essere fatta.

Non penso che voterò a favore di questo O.d.G. per questi motivi. Non voterò contro perché penso che sia un desiderio che viene dal cuore, però mi sembra francamente al giorno d’oggi poco realizzabile.

PRESIDENTE

Grazie Consigliere Cazzaniga.

Ha chiesto la parola l’Assessore Palma, prego.

ASSESSORE PALMA PAOLA

Ho dato una risposta intendendo che comunque lei facesse riferimento all’acquisto di un mezzo ecologico nel parco automezzi che attualmente è destinato al trasporto degli alunni. Giusto? Okay. Mentre il Consigliere Cazzaniga invece aveva inteso che l’acquisto dell’automezzo poteva essere un automezzo dotato per il trasporto di… (Dall’aula si interviene fuori campo voce) Okay. Sì, anche nel…

Ritorno a quello che ho detto prima, è il capire se il finanziamento è indirizzato all’acquisto di un solo mezzo, che al Comune sì potrebbe interessare, ma come gestiamo questo tipo di acquisto, avendo invece già appaltato un servizio che è destinato alla scuola? Anche quello andrebbe regolamentato, anche quello andrebbe comunque individuato e destinato da parte dell’Amministrazione.

Seconda cosa, a questo punto quello che lei propone potrebbe essere, quello che lei propone e la Regione sovvenziona, vorrebbe dire un cambio nella gestione dei mezzi, una proposta di cambiamento che potrebbe essere fatta al gestore, o potrebbe essere in carico al gestore; il quale non essendo un ente non può probabilmente accedere al bando regionale.

Mi preme però sottolineare che nel bando di gara l’individuazione degli automezzi è davvero molto attenta e molto scrupolosa anche sulla tipologia di automezzi, che a volte prevedono anche un livello di automezzi che potrebbe essere anche individuato come automezzi di tipo ecologico.

Questo però va costruito e va individuato e va compreso anche riflettendo su quelle che poi sono le tariffe che ne scaturiscono.

Ecco su che cosa poi intendevo puntualizzare.

Il fatto che comunque l’appalto sia in auge fino al 2021 non ci permette in questo momento di fare nessun tipo di ragionamento. Tanto meno secondo me l’acquisto di un singolo automezzo potrebbe giovare in questo momento all’Amministrazione, che anche facendosi carico dell’automezzo dovrebbe poi provvedere a tutto quello che ne consegue, la gestione e tutto quello che ne consegue.

PRESIDENTE

Grazie Assessore.

La parola al Consigliere Ghezzi, prego.

CONSIGLIERE GHEZZI LUCILLA

Buonasera a tutti.

Rispondevo in parte al Consigliere Orrico ed in parte al Consigliere Cazzaniga, facevo delle considerazioni.

Relativamente al trasporto disabili attualmente e in passato ci si è avvalsi della collaborazione delle strutture già presenti e delle associazioni del volontariato per eventuale trasporto dei bambini che hanno problemi di disabilità, perché a volte magari devono partecipare a terapie o cose di questo genere. Era la soluzione più semplice, perché consentiva di venire incontro alle diverse esigenze dei bambini senza avere un mezzo destinato, ma godendo già di mezzi che sono di fatto in dotazione alla nostra comunità.

C’è anche da dire che il possesso di un mezzo esclusivamente dedicato a questo implica poi una persona che lo conduca, perciò con le responsabilità del caso, con la disponibilità del caso, con la retribuzione del caso.

Allora io penso che in questo momento, avendo già delle dotazioni attraverso le associazioni, noi possiamo compensare – diciamo così – l’intervento di necessità casomai attraverso le associazioni.

Penso che questa sia un’opportunità, ma per i vincoli che ci ha spiegato l’Assessore e per queste problematiche connesse non sia così semplice attuarla.

PRESIDENTE

Grazie Consigliere Ghezzi.

Non vedo… Consigliere Orrico prego, per il suo ultimo intervento.

CONSIGLIERE ORRICO ANDREA

Era solamente per specificare una cosa. La mia mozione non voleva essere in un’ottica di attacco verso l’Amministrazione o verso le associazioni per dire che il lavoro svolto, anzi il lavoro svolto fino ad oggi credo che sia egregio e bisognerebbe fare un plauso anche a tutte quelle associazioni che si impegnano per aiutare le persone in difficoltà sul nostro territorio.

Era un’opportunità che ogni tanto, quando si ha la possibilità di poter prendere da parte della Regione, credo che siano degli spiragli, delle possibilità da andare a valutare. È anche giusto portarle al Consiglio in una discussione salubre e normale.

Lungi da me andare a criticare quelle che possono essere le… Anzi, farei un plauso alle associazioni che si impegnano in maniera attiva, a tutti quei volontari che tutti i giorni rendono la vita di persone che hanno meno possibilità una vita migliore, sicuramente.

Grazie.

PRESIDENTE

Grazie Consigliere Orrico.

Ha chiesto la parola il Consigliere Puglisi, prego.

CONSIGLIERE PUGLISI CRISTIANO

Grazie.

Ho voluto ascoltare attentamente tutto il dibattito attorno a questa mozione. Il Consigliere Orrico faceva un plauso alle associazioni del territorio, ma io invece faccio un plauso a lui perché è di stimolo e di confronto il portare l’attenzione su questo tipo di opportunità che vengono dalla Regione, non solo dalla Regione, che permettono poi per i Comuni, per le Amministrazioni Comunali, di vagliare opportunità finanziarie che da questo punto di vista sono assolutamente meritevoli di essere considerate. Poi al di là di quella che sia la gestione a livello cittadino del trasporto scolastico.

La mia votazione differirà da quella del Consigliere Cazzaniga, penso che voterò a favore.

PRESIDENTE

Grazie Consigliere Puglisi.

Non vedo altri interventi in questo momento, quindi chiudo la discussione e pongo in votazione il punto.

Voti favorevoli? 4 voti favorevoli. Sono il Consigliere Orrico, il Consigliere Zucchi, il Consigliere Perego e il Consigliere Puglisi. Astenuti? 2 voti astenuti, che sono il Consigliere Cazzaniga e il Consigliere Bertani. Contrari? 11 voti contrari, la Maggioranza.

La mozione è respinta.

Passiamo alla seconda mozione all’O.d.G., sempre del Consigliere Orrico, del 23 Ottobre, numero di protocollo 25487.

Prego Consigliere per l’esposizione.

CONSIGLIERE ORRICO ANDREA

Grazie Presidente.

“Mozione utilizzo di foto-trappole contro l’abbandono di rifiuti.

Premesso che il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti negli ultimi anni è in considerevole aumento e si assiste a visioni poco felici dove i rifiuti di qualsiasi genere e natura vengono rilasciati in ambienti urbani o rurali. Le aree dove avvengono questi abbandoni il più delle volte si trasformano di fatto in vere e proprie discariche abusive, con annesso degrado ambientale ed inquinamento delle aree interessate.

Le discariche abusive di qualsiasi entità provocano un impatto rilevante sul territorio in termini di rischio sanitario – ambientale, oltre a ledere il decoro urbano delle città e del territorio lombardo.

Molto spesso le zone dove sono abitualmente scaricati ed abbandonati i rifiuti, talvolta pericolosi, sono conosciute, vedi ad esempio l’abbandono di manufatti in amianto. Molti cittadini si impegnano alla raccolta differenziata ed i loro sforzi vengono parzialmente vanificati da queste incivili usanze, compresa quella di gettare buste di rifiuto urbano indifferenziato nei cestini stradali o a terra.

Premesso inoltre che le foto-trappole sono strumenti con involucro mimetico, spostabili all’occorrenza, in grado di rilevare movimenti e di fotografare anche in ambienti notturni e/o di scarsa luminosità.

Tali dispositivi possiedono dei rilevatori di movimento ed attraverso telecamere ad infrarossi riescono ad immortalare senza dare alcun segnale di presenza persone ed eventuali veicoli nella flagranza di abbandonare i rifiuti. Le normali telecamere sono normalmente a vista, mentre le foto-trappole sono mimetiche e si ricaricano ad energia solare, sono mobili e resistenti alle intemperie.

Considerato che il monitoraggio finalizzato al controllo dello scarico abusivo dei rifiuti all’interno del territorio comunale ed al rilevamento dell’infrazione a norma di legge e regolamenti, quando non risulti possibile o si rilevi non efficace con l’applicazione di altri strumenti, deve far ricorso a strumenti e sistemi di controllo alternativi. Pertanto il Comune per l’attivazione di tale monitoraggio può ricorrere all’utilizzo di foto-trappole.

Il Consiglio Comunale impegna il Sindaco e la Giunta ad attivare entro sei mesi dall’approvazione della mozione il monitoraggio finalizzato al controllo dello scarico abusivo dei rifiuti all’interno del territorio comunale, con l’utilizzo di foto-trappole.”

PRESIDENTE

Grazie Consigliere.

Apriamo la discussione. Ha chiesto la parola il Sindaco, prego.

SINDACO

Grazie Consigliere Orrico.

Il 24 di Ottobre, per cui la settimana scorsa, si è tenuto nella sede della Polizia Municipale proprio una manifestazione per l’utilizzo proprio di questi strumenti di cui lei parla.

Adesso entro un pochino nel merito tecnico di che cosa stiamo cercando di acquistare. Anticipo, la premessa è che nel prossimo capitolo delle variazioni di Bilancio ci sarà proprio la cifra che ci permetterà di andare ad acquistare gli strumenti di cui adesso vi parlerò.

Gli strumenti si chiamano, mi sono fatta dare dal Comandante Bergamaschi tutta la specifica, Xtrem, sono degli strumenti di tecnologia altamente sofisticata, hanno la caratteristica di essere applicabili, praticamente sono delle telecamere, piccole telecamere mobili, si possono applicare su diverse superfici, dal ferro all’albero, piuttosto che a delle piattaforme diverse laddove serva. Hanno questa famosa “motion detection” per cui si muovono a 360°. Hanno un’autonomia energetica di 48 ore, sennò non serve a niente, se si esauriscono quando non c’è la ripresa, quando non c’è attiva la centralina, non servono a niente.

Sono due che stiamo acquistando, queste sono un po’ le caratteristiche tecniche. Noi abbiamo tre siti particolarmente sensibili, che…

PRESIDENTE

Mi scusi Sindaco, la interrompo un attimo perché il Consigliere Perego per motivi personali deve abbandonare l’aula.

SINDACO

Buonasera.

PRESIDENTE

Prego.

SINDACO

Spero niente di…

PRESIDENTE

No, no.

SINDACO

Okay.

Noi abbiamo tre siti che hanno le caratteristiche di cui lei parla nella mozione, che sono Via Della Gerana, per cui in fondo a Via Buonarroti sulla sinistra, c’è una via che è un disastro, lì con l’amianto e la discarica di laterizi abbiamo un grosso problema. Alla Misurata, alla Cascina Misurata anche lì è un problema, e Molinetto.        Noi abbiamo queste due, tre, forse acquistiamo tre telecamere, che posizioneremo. Queste telecamere hanno la possibilità di lettura delle targhe, cosa che le altre non hanno.

Perché queste hanno una caratteristica maggiore che le contraddistingue? Perché la lettura delle targhe è quella che ci consente di andare ad identificare ed a trovare coloro che commettono il reato, perché attraverso la lettura della targa noi identifichiamo, la persona singola, il volto noi non lo identifichiamo, perché può essere chiunque. Se viene da un altro paese il volto non viene identificato. La lettura della targa invece si identifica. Anche se la targa, la macchina è intestata a qualcun altro, ma in un modo o nell’altro i Carabinieri e la Polizia Municipale sono in grado con la Motorizzazione Civile di identificare il malfattore, diciamo così.

Di fatto diciamo che la sua mozione è bypassata da un’azione già in atto sostanzialmente. Adesso la variazione di Bilancio c’è, nei prossimi giorni, penso nel prossimo mese verrà definito dal Comando di Polizia Municipale, che sono un po’ gli esperti del tema, noi politici facciamo una scelta politica/amministrativa e finanziamo l’operazione, ma poi gli esperti sono coloro che poi useranno questi strumenti, sceglieranno la tipologia.

Andiamo nella stessa direzione, scegliendo però uno strumento un pochino più sofisticato, che è a scelta della Polizia Municipale.

Aggiungo che con questo aggiungiamo un ulteriore gradino di sicurezza rispetto al nostro territorio. Anche se si tratta di sicurezza ambientale fa parte di quella percezione di sicurezza, di quel contesto, di quel ragionamento della sicurezza che fa tutt’uno con la qualità della vita della città.

Abbiamo 36 telecamere, abbiamo la sorveglianza sul territorio, mettiamo anche queste tre videocamere, chiamiamole così, più di così diventa poi difficile.

Il tema è l’inciviltà. Il tema è l’inciviltà, lì è un grossissimo lavoro di comunicazione, senza contrapposizioni, di scuola, di ragionamenti. Ci si deve aiutare con una rete culturale forte, io continuo a dirlo, sennò non c’è scampo. Noi possiamo mettere in campo tutti gli strumenti che abbiamo, ma se di notte si continua a veder passare macchine a lanciare…

Poi chiudo dicendo, lasciatemi dire anche una sorta di omertà da parte dei cittadini, perché io ho visto con i miei occhi ed ho chiesto: perché non gli ha detto niente? Eh, no…

Dobbiamo imparare anche noi ad amare la nostra città e quando vediamo qualcuno dire anche no, eh! Oppure segnalarlo.

Grazie.

Non è valida perché di fatto stiamo già facendo la mozione. Voterei contro.

PRESIDENTE

Grazie Sindaco.

Consigliere Cazzaniga, prego.

CONSIGLIERE CAZZANIGA ATTILIO

Grazie Presidente.

Confesso che prima che il Consigliere Orrico presentasse questa mozione non sapevo neanche cosa fossero questi aggeggi; per cui sono andato a vedere un attimino, a guardare. Credo che possano essere comunque estremamente utili, anche perché hanno un costo estremamente basso. Su internet si trovano apparecchi di questo genere che variano dai 50 ai 150 Euro. Funzionano pure con l’infrarosso, quindi anche di notte sono in grado di vedere.

Potrebbero essere dislocati anche non solo nei posti ritenuti più sensibili, certamente lo scarico di amianto è un pochino diverso dallo scarico di quattro bottiglie, è evidente; però non è neanche bello vedere in giro per la città scarichi chiamiamoli di rifiuti quotidiani messi magari vicino al cassonetto dei piccoli rifiuti. Non è che tirando su il cassonetto la gente non… Chi mette lì continua a mettere lì. Vedi le vicinanze della stazione che sotto questo aspetto sono veramente brutte.

Non vedo, cioè, perché non utilizzare entrambe, tutto quello che abbiamo a disposizione?

I costi sono estremamente limitati. Tra l’altro gli apparecchi che citava il Sindaco io non li conosco, però se hanno un’autonomia di vita di due giorni poi bisogna prenderli, bisognerà ricaricarli. Ci sarà un periodo morto. Non so, non sapevo di questa iniziativa per cui non sono al corrente.

Ripeto, tre punti di sorveglianza mi sembrano onestamente un po’ pochi. Far vedere che si guarda con un po’ più di attenzione potrebbe essere, con questi mezzi che costano pochi soldi.

Mi aspetterei che anche chi gestisce il servizio rifiuti, il CEM, partecipasse in un modo o nell’altro. Venisse sensibilizzato a questo tipo di problemi. Dovrebbe essere interessato anche lui che la raccolta avvenga in modo più corretto possibile. Chiaramente chi deposita vicino ai cassonetti non fa raccolta differenziata, butta dentro un po’ di tutto ovviamente. È abbastanza e facilmente intuibile.

È vero, il Sindaco dice che è una questione di civiltà, ha ragione. È anche vero però che dalla parte, dall’altra parte purtroppo anche chi gestisce la cosa pubblica per quello che riguarda la tassazione per i rifiuti non è che dia proprio dei begli esempi facendo pagare la tassa rifiuti in base ai metri quadrati della casa, quando dovrebbe essere già da tempo messa in strada e realizzata la tariffa a peso.

Non vedo per quale motivo una casa che non è abitata debba continuare ad essere tassata, sia a metà, se non ha gli allacciamenti, se non ha le suppellettili e queste cose.

Andrebbe tutto… Un box che di solito costa 70 Euro all’anno all’incirca, ma non solo ad Arcore, ovunque, 70 Euro all’anno di tassa rifiuti, i sottotetti che producono anche loro rifiuti. Sarebbe tutto da rivedere e cominciare, allora sì mandare al cittadino un giusto messaggio, paghi per quello che produci di materiale da smaltire. Non così grossolanamente.

Questa è una cosa che mi auspico per i tempi futuri si possa fare anche in Italia.

PRESIDENTE

Grazie Consigliere Cazzaniga.

Ha chiesto la parola il Consigliere Orrico, prego.

CONSIGLIERE ORRICO ANDREA

Sì, in risposta al Sindaco.

Sono estremamente contento che l’Amministrazione abbia già preso provvedimento in merito, anche perché comunque sono anni che ormai il territorio è leso da quelli che sono atti di inciviltà pura; quindi assolutamente bisogna contrastare, anche a livello culturale, sono estremamente d’accordo, partendo soprattutto da quella che è l’istruzione. Io mi sono sempre chiesto perché ci sia gente che butta in giro rifiuti quando si mettono a disposizione vari strumenti per poterli smaltire. È vero che hanno dei costi, ma questo serve a salvaguardare la salute di tutti e credo che la salute di una persona non possa avere prezzo. Questo è sempre stato il mio pensiero.

Credo che però, anche se il Comune ha già preso provvedimenti, sia un segnale forte che questo Consiglio Comunale approvi questa mozione, per dare un ulteriore segnale alla popolazione di Arcore e dire: la politica si muove, il Consiglio Comunale si muove, siamo tutti d’accordo su quello che bisogna fare e sui provvedimenti che bisogna prendere.

Okay, l’Amministrazione sta già agendo, ne sono solamente contento; però credo che questa sia una mozione da approvare, non solo per rimarcare quello che già si sta facendo, ma per dare un segnale forte per tutta la collettività e dire noi non siamo qui a perdere tempo, a fare cose che non interessano ai cittadini, ma siamo qui perché dobbiamo dare una risposta ai problemi della cittadinanza.

In merito a quello che diceva il Consigliere Cazzaniga, sul discorso della tariffazione puntuale, beh, lì è stata approvata una mozione tempo addietro e l’Amministrazione con l’introduzione del sacco rosso ha mantenuto quello che si era impegnata a fare, che è quello della raccolta puntuale, che speriamo possa dare dei benefici sia a livello monetario che a livello di raccolta dei rifiuti.

Grazie.

PRESIDENTE

Grazie Consigliere Orrico.

Ha chiesto la parola il Sindaco, prego.

SINDACO

Due precisazioni al Consigliere Cazzaniga. Consigliere Cazzaniga, per quanto riguarda la tassa rifiuti noi applichiamo le norme statali, non stiamo… Noi siamo obbligati ad applicare la norma che prevede una parte di tassazione sulla persona, una parte sui metri quadri. Finché la norma è quella lì noi dobbiamo applicare quella lì.

Non siamo ancora nel libero Stato di Arcore. Ci arriveremo, chi lo sa.

Dunque, Consigliere Orrico, i Consiglieri faranno la loro valutazione, però le mozioni hanno sì, è vero, uno spirito politico, come dire, di sottoporre una questione, sottoporre al Consiglio un argomento sul quale riflettere, approfondire; ma la mozione non rimane campata per aria, perché la struttura della mozione, la costruzione della mozione è: “Premesso che, considerato che” e deve finire con “Il Consiglio Comunale impegna il Sindaco e la Giunta”; per cui la chiosa della mozione è “Impegna il Sindaco e la Giunta entro sei mesi all’acquisto, ad attivare … il monitoraggio … controllo … con l’utilizzo di foto-trappole”. Vuol dire che se l’approviamo diciamo compriamo le foto-trappole. Non può essere così.

Ripeto, il comune sentire c’è ma la mozione dice una cosa ben precisa, i documenti agli atti dicono sempre cose ben precise. Abbiamo fatto con la Polizia Municipale, che ha ritenuto di fare un’analisi della strumentazione sul territorio che fosse la più adatta ad avere effetti reali, si è scelto un altro strumento.

Rimangono valide tutte le sue argomentazioni che accetto per quanto riguarda il sentire comune di percorrere una strada insieme, però l’impianto della mozione è preciso; per cui non si può votare una cosa dove lei mi dice entro sei mesi compra le foto-trappole, perché non funziona.

Grazie.

PRESIDENTE

Grazie Sindaco.

Ha chiesto la parola il Consigliere Ghezzi. Prego.

CONSIGLIERE GHEZZI LUCILLA

In merito a questa problematica, foto-trappole e telecamere, riflettevo sul fatto che a questo punto ogni angolo delle vie, ogni situazione di cestino dovrebbe essere monitorata da una foto-trappola. Penso che non sia corretto che una comunità sia vigilata costantemente dalle videocamere, foto-trappole e cose… Io credo di più in un altro tipo di azione, quella di un’educazione costante laddove possiamo agire, in una forma di educazione e di atteggiamento culturale per il rispetto delle regole, poi a delle multe mirate.

Penso che la Polizia Municipale, la struttura amministrativa dovrebbe muoversi, effettuare dei controlli mirati. Questo non lo dico solo io, proprio approfondendo questa problematica ho un articolo di giornale, ho letto anche altro, dice che laddove si fanno sanzioni mirate e se ne dà comunicazione a mezzo della stampa locale segue un periodo di contenimento di questi fenomeni.

Allora, è vero, è sotto gli occhi di tutti e non penso soltanto all’abbandono dei rifiuti particolari come quelli pericolosi, che giustamente sono pericolosi per la salute di tutti e vanno vietati e calmierati con tutti i mezzi possibili; ma io a volte faccio questa riflessione percorrendo anche le vie del nostro paese. Passo spesso dalla Via Manzoni, una via centrale, una via non periferica, una via frequentata da tutti, che dovrebbe chiedere il decoro di tutti senza grandi problematiche, basta osservare, la via è piena di fazzoletti, mozziconi di sigarette, pacchetti di sigarette. Questi sono atteggiamenti che non sono soltanto del piccolo delinquente che abbandona volutamente il materiale di rifacimento della casa o i laterizi, che è già un’azione mirata e “criminosa”, è proprio un abbattimento del nostro grado di civiltà nei confronti della nostra comunità.

Io penso che l’Amministrazione Comunale dovrebbe cominciare una campagna educativa, attraverso vari strumenti, della cittadinanza. Una campagna che inviti tutti a riflettere sul fatto che noi abbiamo tutti gli strumenti per mantenere la piccola spazzatura, quel fenomeno che si chiama littering, cioè le cose che eliminiamo del nostro uso, i fazzoletti e cose di questo genere, abbiamo il modo di conservarli e di eliminarli senza nessun problema.

Io vorrei chiedere all’Assessore Perego cosa ci costa la pulizia dei cestini urbani, che io stessa vedo pieni di rifiuti domestici. Io stessa, come dice la Sindaca, ho spesso assistito nottetempo, magari al ritorno dal Consiglio o all’andata, di persone che depositavano nella spazzatura l’umido. Io francamente non capisco neanche il perché, dal momento che ci viene ritirato al domicilio, anche con una frequenza credo sufficiente, o comunque con un minimo di… Io sono una persona che come tutti cucino, produco rifiuti, ma basta un minimo di organizzazione, non è questo il problema.

La mia osservazione è per dire che a me preoccupa di più questo decadimento del nostro stare insieme, del nostro essere civili nella nostra comunità.

Io punterei, insieme ai provvedimenti che ha indicato la Sindaca, ad un’azione educativa e comunicativa più ampia.

Lo stesso dicasi, non so, capiterà anche a voi, di padroni che sono molto più incivili dei loro cani, perché i cani non possono fare diversamente ma i proprietari di cani sì. Questi fenomeni sono sotto gli occhi di tutti noi espressi con noncuranza.

Io credo che questo sia il nostro lavoro da fare, magari cominciare nelle scuole, magari avvalendoci anche di campagne, c’è Comieco, ci sono tanti consorzi che si occupano di smaltimento rifiuti, magari ci aiuterebbero anche a finanziare delle campagne; ma sarà anche tempo che facciamo una campagna mirata nei confronti dei cittadini.

Sarà anche tempo che i Vigili facciano dei controlli mirati. Allora sì, che se ne dia comunicazione attraverso la stampa.

Io francamente, pur comprendendo lo spirito della segnalazione del Consigliere Orrico, non mi va neanche tanto che anche solo vivendo nelle nostre strade, nella nostra comunità, io debba essere continuamente vigilata da qualche telecamera, pur non avendo magari personalmente niente da nascondere.

Io credo che la strada da percorrere sia un’altra. Poi anche le telecamere, soprattutto nei punti in cui viene depositato un certo tipo di rifiuto.

PRESIDENTE

Grazie Consigliere Ghezzi.

Ha chiesto la parola il Consigliere Bertani, prego.

CONSIGLIERE BERTANI CLAUDIO

Grazie Presidente. Buonasera.

Solo due parole. Su questo discorso che ha fatto la Consigliera Ghezzi concordo pienamente. Non so bene come potremo fare. Aggiungerò anche una cosa che ho visto più di una volta, non so se è capitato ad altri, che ci sono dei signori, chiamiamoli così, che urinano per le strade.

Io una volta mi sono avvicinato ad una nostra persona, non… ci siamo capiti, non veniva da lontano, naturalmente gli ho detto: “Scusi, le sembra il caso in mezzo alla strada?” Risposta: “Mi scappava”.

Un sessantenne circa.

Credo che questo discorso sia molto importante. Non so come si riesca oggettivamente ad incidere proprio sulle persone, ma bisognerà trovare dei… Comunque il deterrente della multa è sempre una cosa interessante. (Dall’aula si interviene fuori campo voce) Certo.

PRESIDENTE

Grazie Consigliere Bertani.

Ha chiesto la parola l’Assessore Perego, prego.

ASSESSORE PEREGO FAUSTO

Grazie.

Il tema che stiamo discutendo ha due livelli, tutti e due importanti ma di diversa pesatura, se possiamo dire. Noi qui interveniamo, diceva il Sindaco, attraverso una campagna di verifica con queste videocamere, che non sono le foto-trappole, anche io ho comprato una roba del genere, 50 Euro, l’ho messa sul balcone di casa mia, perché anche io vedo questi che abbandonano le cose; ma non si riesce neanche ad identificarle, si vede, se si zooma si vede una figura nera che lascia giù il sacchetto. Poi li pubblico sul mio sito Facebook, quando ne becco qualcuno di questi sicuramente li metto. Me ne assumo io la responsabilità, Fausto Perego, non l’Assessore Perego. Effettivamente c’è un certo fenomeno.

Il fenomeno più preoccupante è questo che diceva il Sindaco, dove in alcune zone del nostro paese, Via Della Gerana, se andate là… Poi per fortuna, fortuna usando un eufemismo, siccome lì siamo al confine con Vimercate, è arrivato un camion, se andate là c’è una catasta di eternit, hanno tolto l’eternit da un capannone. Non scaricato, sono arrivati con il braccio, con un camion a rimorchio, se andate a vedere sono metri cubi di eternit depositato … a confine, ma in territorio del Comune di Vimercate. Lì assistiamo a questi fenomeni.

Noi abbiamo bisogno di… Questi fenomeni vanno repressi in modo duro, perché questo… Qui non è abbandono di rifiuti, le macerie. In alcuni posti noi abbiamo fenomeni di questo tipo. Sia attraverso queste telecamere mobili, che identificano e che hanno la possibilità – Consigliere Cazzaniga – di registrare, perché le altre, le foto-trappole sono quelle che mettono per gli animali nei boschi, costano anche poco ma dal punto di vista di capire chi va lì, di leggere la targa, di avere… Chiaramente la sostituzione delle batterie non vuol dire che si sostituiscono le batterie, non si sostituisce la telecamera. La batteria viene sostituita ogni due giorni senza che la telecamera venga compromessa dal punto di vista del funzionamento.

Adesso non diamo troppi particolari perché comunque questi qua bisogna beccarli.

La sostituzione delle telecamere che diceva il Sindaco, le 33 telecamere che abbiamo sostituito, alcune di queste, non diciamo dove, leggono le targhe. Anche qui abbiamo bisogno di capire chi entra e chi esce da questo paese, perché soprattutto leggendo le targhe e vedendo alcuni automezzi in alcuni orari si capisce un camion che è entrato in questo paese a scaricare rifiuti, piuttosto che no. Quasi sempre sono rifiuti anche pericolosi, dannosi.

Noi abbiamo… Con queste telecamere noi copriamo questo aspetto.

Esiste poi l’altro problema, che è l’abbandono di rifiuti, di comportamenti di tanti cittadini, non solo stranieri, anche italiani, l’abbiamo visto. Allora, noi abbiamo fatto due campagne, sui cestini abbiamo messo degli adesivi, “Attenzione, non depositate i rifiuti di casa”. È chiaro che viene comodo svuotare la pattumiera del secco, avere il sacchettino e metterlo dentro, dell’umido, succede. Io ho visto gente che arriva, che va 2 o 300 metri, quando se lo mette sotto casa…

Ci sono comportamenti un po’ bizzarri.

Anche lì noi abbiamo fatto queste campagne che hanno prodotto un miglioramento, ma non c’è ancora questa sensibilità.

Lì magari ne discutiamo. Andrebbe fatta una cosa molto più radicale, qualche Comune, dico due Comuni anche di due orientamenti diversi, il Comune di Bellusco e il Comune di Vimercate, hanno tolto i cestini. Hanno tolto i cestini. In alcuni posti li ho tolti anche io, all’angolo tra Via San Francesco per andare alla stazione c’erano i cestini, era un immondezzaio. Ad un certo punto… (Dall’aula si interviene fuori campo voce) Lì, in quel caso andiamo con le telecamere.

Per dire, in alcuni punti li togliamo perché…

Allora, secondo me andrebbe fatta, magari la studiamo in una Commissione, sui cestini, dei cestini… C’è il problema, li abbiamo intensificati, li abbiamo messi anche in quantitativo enorme, anche di questi grossi, pensando che ad esempio questo problema dei cani… Perché c’erano richieste in questo senso.

Allora si potrebbe fare, ho visto, ci sono dei cestini appositamente per le deiezioni canine, dove si depositano solo le deiezioni. Tra l’altro la deiezione buttata insieme all’altro fa diventare quello un rifiuto speciale, quindi diventa poi un problema anche… Noi abbiamo avuto qualche problema sulla nostra percentuale di raccolta differenziata perché chiaramente aumentando quella quantità lì, perché con questi cestini grandi viene aumentata questa cosa.

Pensare a dei cestini piccoli per la cartaccia, per il fazzolettino, per il pacchetto di sigarette, ma piccoli, con la fessura piccola, sennò ci infilano ancora la pattumiera.

Abbinati ai cestini o… Adesso, nelle stazioni ci sono questi multi-cestini, carta, plastica, però metterli in giro ho visto che pochi lo fanno; però un cestino per le deiezioni ed un cestino normale, piccolo, tipo quelli arancioni che abbiamo già, togliendo quelli grossi. Si può vedere…

Chiaramente è una campagna che costa, che va fatta, perché sostituire tutti questi cestini non è semplice, però va in questa direzione.

Finisco sulla questione dei rifiuti, noi all’8 ed al 9 facciamo… Noi passiamo al sacco rosso, grazie anche alla sollecitazione ma grazie anche… Noi avevamo evitato di farlo durante il periodo di vacanza amministrativa, Vimercate l’aveva fatto, per evitare poi… Comunque qualche disservizio lo comporta. Lo facciamo quest’anno, lo facciamo un po’ tardi però alcune problemi oggettivi, l’8 e il 9.

Abbinato a queste assemblee, a questa campagna di comunicazione, rafforzeremo questa campagna, perché il sacco rosso incentiva in più a…

Sì, perché ad esempio noi il sacco rosso lo distribuiremo, sacco rosso e sacco giallo che non abbiamo distribuito, ma il sacco rosso che viene distribuito e che è etichettato io so a chi ho distribuito o non distribuito il sacco rosso. Prima cosa capiamo chi non ritira il sacco rosso perché, perché a quel punto tu… Ad un certo punto finita la campagna di distribuzione noi sappiamo, perché a tutte le famiglie, ad ogni famiglia, a seconda dei quantitativi, adesso non voglio fare questa discussione, però distribuiremo un tot di fornitura. Finita, 15 sacchi, non li ritira?

Per passare poi alla tariffa puntuale, nel 2020 sarà obbligatorio passare alla tariffa puntuale. Il meccanismo è questo, adesso nel 2019 noi abbiamo evitato di inserire questa modifica anche… Viene fatta una sperimentazione, il CEM fa la sperimentazione perché l’operatore che ritirerà il sacco rosso, adesso il nostro è con il codice a barre, verrà microchippato, sul sacco rosso, l’ulteriore passo è microchippare il sacco rosso. C’è un microchip, sono quelli che mettono per gli antitaccheggi anche per i maglioni, anche nei supermercati li mettono nei prodotti che costano tanto, ma relativamente poco. L’operatore che butta il… Poi lì ci sarà un problema anche sindacale, perché questo vuol dire anche un controllo. L’operatore avrà un lettore di microchip e quando butta il sacco legge a chi ha buttato il sacco. Si riesce anche a capire, si riuscirà a capire cosa ha buttato.

Questo in teoria potrebbe far dire che io faccio pagare in base al peso, però diventa difficile, in Italia penso che non lo faremo mai di far pagare in base al peso; però far pagare in base a quanti sacchi uno poi smaltisce.

Anche lì a consuntivo io capisco se ti ho dato i sacchi e non li butti, perché non li butti. Il secco lo produciamo tutti.

PRESIDENTE

Assessore Perego, concluda.

ASSESSORE PEREGO FAUSTO

Diciamo è tutta un’evoluzione che stiamo seguendo, avremo l’occasione l’8 e il 9 nelle assemblee per poter dimostrare questa ulteriore cosa.

PRESIDENTE

Grazie Assessore.

Ha chiesto la parola il Consigliere Orrico, prego.

CONSIGLIERE ORRICO ANDREA

Sì, era solo per chiedere una precisazione, perché mi è sfuggita. Le telecamere che andremo ad installare sono telecamere – questo mi è sfuggito – mobili, o sono… (Dall’aula si interviene fuori campo voce) Sono telecamere mobili, okay, perché lo spirito delle foto-trappole è quello della mobilità; giustamente metterle in un solo punto, poi la gente sa che ci sono le telecamere lì, va da un’altra parte e non abbiamo risolto il problema.

Okay, grazie.

PRESIDENTE

Grazie Consigliere Orrico.

Non vedo… (Dall’aula si interviene fuori campo voce) No, fuori microfono… Assessore Perego, prego.

ASSESSORE PEREGO FAUSTO

… ieri ho fatto una segnalazione, i sacchi abbandonati controlliamo cosa c’è dentro e qualcuno lo becchiamo. Nel senso che qualche furbacchione mette dentro l’indirizzo e quindi è facile beccarlo.

PRESIDENTE

Non vedo altri interventi. Chiudo la discussione e poniamo in votazione. Vi ricordo che i Consiglieri presenti sono 16 in questo momento.

Voti favorevoli alla mozione? 5 voti favorevoli, tutta l’Opposizione. Contrari? 11 voti contrari, tutta la Maggioranza.

La mozione è respinta.

COMUNE DI ARCORE

PUNTO N. 4 O.d.G. – CONSIGLIO COMUNALE DEL 29 OTTOBRE 2018

APPROVAZIONE VERBALE DI SEDUTA DEL 28 SETTEMBRE 2018

PRESIDENTE

Passiamo al punto 4 all’O.d.G., Approvazione verbale di seduta del 28 Settembre 2018.

Voti favorevoli? Su le mani per favore. Su le mani. Non vedo. 11 voti favorevoli, che sono… (Dall’aula si interviene fuori campo voce) No, no, loro due anche. 11 voti favorevoli, tutta la Maggioranza tranne il Consigliere Contratto e il Consigliere Ventola, più i due Consiglieri Zucchi ed Orrico. (Dall’aula si interviene fuori campo voce) Magari sono assenti o magari non l’hanno letto o magari non vogliono votarlo.

Sono 11 voti favorevoli, che sono tutta la Maggioranza tranne il Consigliere Ventola e il Consigliere Contratto, più il Consigliere Zucchi e il Consigliere Orrico. Sono 11 voti favorevoli.

Voti contrari? Nessuno. Astenuti? 5 voti astenuti, che sono il Consigliere Cazzaniga, Bertani, Puglisi, Ventola e Contratto.

Okay.

COMUNE DI ARCORE

PUNTO N. 5 O.d.G. – CONSIGLIO COMUNALE DEL 29 OTTOBRE 2018

COMUNICAZIONE PRELIEVO DAL FONDO DI RISERVA

PRESIDENTE

Passiamo al punto 5, Comunicazione prelievo dal fondo di riserva.

Lascio la parola per l’esposizione alla Dott.ssa Margherita Folci per l’esposizione. Prego.

DOTT.SSA FOLCI MARGHERITA

La comunicazione è dovuta in base alla normativa, art. 166 comma 2 del 267 del 2000, del prelievo dal fondo di riserva effettuato dalla Giunta Comunale con la delibera 186 del 16 Ottobre 2018.

Sono stati prelevati 1.000 Euro per effettuare degli acquisti di mobili ed arredi presso il servizio di Polizia Locale.

Con questo prelievo il fondo è ancora disponibile per 69.778 Euro.

PRESIDENTE

Grazie Dottoressa.

COMUNE DI ARCORE

PUNTO N. 6 O.d.G. – CONSIGLIO COMUNALE DEL 29 OTTOBRE 2018

PROGRAMMA OPERE PUBBLICHE 2018 – 2020 ED ELENCO ANNUALE DEI LAVORI 2018 – 2^ MODIFICA

PRESIDENTE

Passiamo al punto 6, Programma opere pubbliche 2018/2020 ed elenco annuale dei lavori 2018 . 2^ modifica.

Lascio la parola all’Assessore Perego. Prego.

ASSESSORE PEREGO FAUSTO

Qui praticamente l’avevo un po’ accennato la volta scorsa nella prima modifica che avevamo fatto al Piano triennale opere pubbliche. Rimettiamo la voce della sostituzione del secondo lotto dei serramenti a ghigliottina alla scuola di Via Monginevro.

Già la volta scorsa si poteva fare, però avendo già chiuso l’iter amministrativo che faceva la variazione, togliendola, praticamente avendo avuto da parte della Provincia un rimborso della quota dell’anticipo che avevamo dato per la palestra, che non si fa più, della scuola superiore, la Provincia ci ha ridato questi soldi, che sono di più di 193.000 Euro, però a noi servivano 193.000 Euro per fare un secondo lotti dei serramenti a ghigliottina della scuola media, quindi abbiamo ripristinato sostanzialmente questa voce, che era già nel Piano triennale originario.

Rimettiamo questa voce a Bilancio. Nel Piano del 2018, triennale ma relativo al… Riusciamo entro l’anno a fare le procedure amministrative per poter fare la gara e poi i lavori verranno fatti comunque dopo.

PRESIDENTE

Grazie Assessore Perego.

Apriamo la discussione. Ha chiesto la parola il Consigliere Puglisi, prego.

CONSIGLIERE PUGLISI CRISTIANO

Grazie Presidente.

Devo dire che sono un po’ stupito, perché è già il secondo Consiglio Comunale che devo fare i complimenti all’Assessore Perego.

Mi sto preoccupando, ma effettivamente è la seconda volta che devo fargli i complimenti, perché questo è un provvedimento che avevamo più volte sollecitato mediaticamente e, non mi ricordo se anche in Consiglio ma mi sembra di sì, nel corso di qualche discussione; quindi volevo preannunciare che ovviamente il nostro voto sarà favorevole a questa variazione.

Grazie.

PRESIDENTE

Grazie Consigliere Puglisi.

In questo momento non vedo… Ha chiesto la parola il Consigliere Zucchi, prego.

 CONSIGLIERE ZUCCHI CARLO

 Volevo chiedere all’Assessore se “secondo lotto” significa che Si concludono i lavori o ci sarà un terzo lotto di serramenti? Se si per quale importo.

Poi volevo chiedere, ho letto ultimamente che ci sono ancora problemi ai servizi igenici femminili delle scuole di Via Monginevro, volevo sapere se si riesce a fare l’intervento entro quest’anno attraverso le risorse che sono disponibili.
Grazie.

PRESIDENTE

Grazie Consigliere Zucchi.

Non vedo altri interventi, quindi lascio la parola all’Assessore Perego. Prego.

 

ASSESSORE PEREGO FAUSTO

Consigliere Zucchi, sui serramenti con questo dovremmo… Adesso esattamente non ho la percezione esatta dei lavori in termini proprio diciamo esatti della dimensione, però con questa sicuramente esauriamo le aule. Dovrebbero restare gli androni delle scale che diciamo possono anche essere fatti non dico in un secondo momento ma anche a scuole aperte.

Sostanzialmente con questo sistema mettiamo in sicurezza tutta la parte dove ci sono gli alunni e quant’altro.

Sugli spogliatoi della palestra del Monginevro sono in Bilancio 2018, dovrebbe finalmente, con qualche problema che abbiamo avuto rispetto ad alcune questioni, però purtroppo le emergenze sono sempre più di una e le disponibilità… Però l’abbiamo lasciato sul 2018 perché abbiamo l’assicurazione che… Almeno la procedura amministrativa… Tenendo presente che sono chiusi, poi i lavori possono anche essere fatti a scuole in funzione, perché già di fatto non pregiudica, essendo chiuse, la fruibilità.

Sicuramente nel 2018 la procedura amministrativa, così come per i serramenti, ed esecuzione dei lavori durante l’anno scolastico.

PRESIDENTE

Grazie Assessore.

Non vedo altri interventi. Chiudo la discussione e pongo in votazione il punto.

Voti favorevoli? 14 voti favorevoli. Sono tutta la Maggioranza… 15 voti favorevoli, okay. 15 voti favorevoli, tutta la Maggioranza più il Consigliere Orrico, Cazzaniga, Bertani e Puglisi. Astenuti? Nessuno. Voti contrari? Consigliere Zucchi.

Votiamo l’immediata eseguibilità. Quelli di prima, 15 voti favorevoli. Contrari? 1 voto contrario.

COMUNE DI ARCORE

PUNTO N. 7 O.d.G. – CONSIGLIO COMUNALE DEL 29 OTTOBRE 2018

VARIAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2018-2020

PRESIDENTE

Passiamo al punto 7, Variazione al Bilancio di Previsione finanziario 2018/2020.

Lascio la parola alla Dott.ssa Folci. Prego.

DOTT.SSA FOLCI MARGHERITA

Buonasera.

Vi ho consegnato da parte dell’Assessore Del Campo, come al solito vi ha predisposto uno schemino diciamo più leggibile della variazione che avete ricevuto, con proposta di delibera di variazione, dove sono stati un po’ riepilogati con vari colori le differenti variazioni.

Questa variazione si compone principalmente di variazioni per spese di investimento. Per la gran parte di questa variazione si tratta di investimento con applicazione dell’avanzo di amministrazione, che viene stanziato per complessivi 941.765 Euro. Viene stanziato per le diverse tipologie di investimento che vedete riepilogate qui in blu.

A parte due rimborsi grossi per pratiche edilizie diciamo scadute, per 740.825 Euro, c’è lo stanziamento invece di nuove opere di investimento, sono acquisti arredo urbano per il parco, tavoli, panchine ecc., per 38.000 Euro.

Per la sostituzione dell’impianto di illuminazione, 10.000 Euro.

Per arredi della Villa Borromeo e per attrezzature, per le mostre da effettuare in Villa Borromeo, per un complessivo di 40.000 Euro.

Poi un contributo per barriere architettoniche che è arrivato dalla Regione, viene stanziato in uscita e verrà quindi liquidato ai richiedenti, ai cittadini che l’hanno richiesto, per 13.505 Euro.

L’acquisto appunto dell’attrezzatura per la Polizia Locale, che sono le telecamere mobili, per 9.150 Euro.

Un contributo straordinario alla scuola materna per 60.500 Euro.

Più appunto la previsione della manutenzione dei serramenti della scuola elementare per 194.320 e delle attrezzature per la scuola media per 19.500 Euro.

Questa è tutta la parte relativamente agli investimenti.

Poi ci sono degli storni di spesa tra spesa corrente di 40.000 Euro circa, tra capitoli diciamo che vengono tolti e capitoli che vengono integrati, quindi di per sé l’importo non è molto rilevante, sono 40.000 Euro complessivi.

Poi ci sono nuove entrate per ulteriori 43.000 Euro, queste somme vengono stanziate in uscita per 84.123 Euro al fondo di riserva. Vengono stanziate in uscita nel fondo di riserva e verranno appunto utilizzate in caso di necessità.

Se avete domande su queste variazioni…

PRESIDENTE

Grazie Dottoressa.

Apriamo la discussione. Ha chiesto la parola il Consigliere Zucchi, prego.

CONSIGLIERE ZUCCHI CARLO

 Volevo chiedere se sa, lei o l’Assessore ai Lavori Pubblici, in che cosa consistono i 60.000 Euro di manutenzione straordinaria previsti per la scuola materna San Giuseppe.

Grazie.

PRESIDENTE

Grazie Consigliere Zucchi.

La parola al Sindaco, prego.

SINDACO

È un contributo questo che diamo alla San Giuseppe affinché possano adempiere ad alcune normative obbligatorie imposte dall’ASL. (Dall’aula si interviene fuori campo voce) No. Immagino quelle dell’ASL che siano impianti elettrici, la sistemazione probabilmente dei bagni, messa a terra. Immagino che l’ASL dia prescrizioni di questo tipo.
L’ennesimo contributo straordinario.

PRESIDENTE

Grazie Sindaco.

Consigliere Zucchi, prego.

CONSIGLIERE ZUCCHI CARLO

Mi ricordo che gli interventi di manutenzione straordinaria previsti dall’ASL ammontassero addirittura a 700.000 Euro, gli interventi totali sulla scuola San Giuseppe, relativi agli impianti di riscaldamento, impianti elettrici, erano comprese varie attività.
Volevo capire se questi primi 60.000 Euro, se questi numeri sono corretti, erano riferiti a qualche criticità particolare, eventualmente chiedo al Funzionario.

PRESIDENTE

Prego Sindaco.

SINDACO

Loro hanno avuto una visita ispettiva 15 giorni fa, per cui questo è il risultato della visita ispettiva. Sulla base della visita ispettiva dell’ASL hanno dato incarico ed hanno verificato l’ammontare delle operazioni che devono mettere in atto per essere a norma.

Voi sapete che nello Statuto è previsto che il contributo straordinario noi possiamo darlo a prescindere dalla convenzione, che poi verrà contabilizzato.

PRESIDENTE

Grazie Sindaco.

Non vedo altri interventi, quindi chiudo la discussione e pongo in votazione il punto.

Voti favorevoli? 11 voti favorevoli, tutta la Maggioranza. Contrari? Nessun voto contrario. Astenuti? 5 voti astenuti, tutta l’Opposizione.

Votiamo l’immediata eseguibilità. Voti favorevoli? 11 voti favorevoli, tutta la Maggioranza. Astenuti? 5 astenuti, tutta l’Opposizione.

COMUNE DI ARCORE

PUNTO N. 8 O.d.G. – CONSIGLIO COMUNALE DEL 29 OTTOBRE 2018

SCIOGLIMENTO CONSENSUALE CONVENZIONE TRA I COMUNI DI LENTATE SUL SEVESO (CAPOFILA) ED ARCORE PER IL SERVIZIO IN FORMA ASSOCIATA DELL’UFFICIO DI SEGRETARIO COMUNALE

PRESIDENTE

Passiamo al punto 8, Scioglimento consensuale convenzione tra i Comuni di Lentate sul Seveso (capofila) ed Arcore per il servizio in forma associata dell’Ufficio di Segretario Comunale.

Prego, la parola al Sindaco.

SINDACO

Il 3 Ottobre 2017 abbiamo stipulato una convenzione tra il Comune di Seveso e il Comune di Arcore per la figura del nostro Segretario Comunale, Vittorio Fortunato.

In questo momento procediamo allo scioglimento della convenzione perché nel frattempo tra il Comune di Lentate e il Comune di Arcore viene a cessare questo tipo di convenzione, perché il nostro Segretario viene preso in carico, diciamo così, dal Comune di Erba. Stipuleremo dopo questa la convenzione tra il Comune di Arcore e il Comune di Erba.

Facciamo una cessazione con Lentate e poi stipuliamo la stessa convenzione con il Comune di Erba.

È un passaggio tecnico insomma.

Questo è lo scioglimento contestuale convenzione tra il Comune di Lentate sul Seveso ed Arcore.

PRESIDENTE

Okay, grazie Sindaco.

Non ci sono interventi, poniamo in votazione il punto.

Voti favorevoli? Tutto il Consiglio Comunale.

Votiamo l’immediata eseguibilità, voti favorevoli? Tutto il Consiglio Comunale.

COMUNE DI ARCORE

PUNTO N. 9 O.d.G. – CONSIGLIO COMUNALE DEL 29 OTTOBRE 2018

APPROVAZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE AI SENSI DELL’ART. 98 DEL D.LGS. 267/2000 E DELL’ART. 10 DPR N. 465/1997 TRA I COMUNI DI ERBA (ENTE CAPOFILA) E ARCORE PER IL SERVIZIO IN FORMA ASSOCIATA DELL’UFFICIO DI SEGRETARIO COMUNALE

PRESIDENTE

Passiamo al punto 9.

SINDACO

L’atto conseguente è lo schema di convenzione tra il Comune di Erba e il Comune di Arcore.

PRESIDENTE

Non ci sono interventi. Poniamo in votazione.

Voti favorevoli? Tutto il Consiglio Comunale.

Immediata eseguibilità. Tutto il Consiglio Comunale.

Non abbiamo più punti all’O.d.G. Consigliere Puglisi… (Dall’aula si interviene fuori campo voce) Va bene.

Giustamente su richiesta del Consigliere Puglisi ho dimenticato la votazione del punto 2, siamo passati.

Votiamo anche… Le modifiche delle Commissioni consiliari, non erano state votate, è vero. Sì, avete ragione.

Facciamo un passo indietro, torniamo al punto 2, votiamo le modifiche dei Gruppi consiliari e le Commissioni consiliari.

Voti favorevoli? Tutti i Consiglieri Comunali.

Votiamo anche l’immediata eseguibilità. Tutto il Consiglio Comunale.

Alle ore 22 e 08 chiudo qui il Consiglio Comunale del 29 Ottobre.

Grazie e buonanotte.

Leave a Reply